Life reloaded

Alla fine ti sei deciso a configurare anche la posta privata su outlook, che così è più comodo, ti dici da mesi, ma poi non lo fai mai. Metti negli spazietti giusti tutti gli indirizzi, gli account, le password e i nomi del server e schiacci invia e ricevi. Ah già. Comincia da una vita fa. E va bene. Ci metterà un po’. Però. Ma dai. Un anno fa mi scrisse sto tizio. Chissà che fine ha fatto. Ah, cavolo, ma quel file che ho cercato per mezza giornata stava ancora qui in allegato? No, scusa, io ho scritto a quella tipa una mail con un subject così idiota? Oddio, e quello…
… e così parte un revival degli ultimi anni della tua vita, fatto di mail collettive per organizzare uscite, concerti, film e aperitivi, scambi di opinioni, appuntamenti mancati, amicizie trascurate, altre ritrovate, cazzate, approcci, chiacchere, antidoti telematici alla noia dell’ufficio o di una sera.
E poi. Spunta lei. Con le prime mail. Ciao ciao. Come stai. Allora. Ma un cinema? Ah, l’hai già visto. E perchè allora non. No stasera sono impegnato. E se andassimo invece venerdì in quell’enoteca? Ieri sera sono stata bene. Anche io. Sono triste. Perchè? Week end fuori? A che ora esci? Senti un po’ questa canzone qua. E allora aspettiamo sabato. Scusa ma ero stanco. Avevo il cellulare scarico. Non lo so. Sono confusa. Sono confuso anche io. Forse dovremmo parlare. Allora ci vediamo? Ti penso. Anche io. Mi manchi. Anche tu. Vediamoci. Perchè no.
Poi niente. Poi quell’indirizzo non compare più.
Avvisaglie, nascita, agonia, morte di un amore ai tempi dell’e-mail. Avessi ancora tutti gli sms potresti tracciare una mappa precisa di ogni momento.
Ma anche così basta. Anzi, è pure troppo.
Cancellare messaggi selezionati? Sì.
Svuota cestino? Sì.
Lascia copia dei messaggi sul server? No.

28 Responses to Life reloaded
  1. Francesca Rispondi

    Bhè, un po’ di coraggio e hai archiviato capitolo vecchio. In bocca al lupo per i nuovi!
    Ciao:)

  2. xlthlx Rispondi

    ahia, che male.
    io conservo tutto per tempi migliori, ma poi in realta’ non rileggo nulla.
    sono tipo 7 anni che ho un cd pieno di ‘ste cose, ma ha solo preso polvere. ;)

  3. lester Rispondi

    Io non li avrei cancellati. Ciò che è finito è finito, ma appunto è finito: non è che non sia mai successo.

  4. Antonio Rispondi

    Io ho ricopiato tutto in apposita agendina.
    E poi l’ho nascosta per bene, in modo da non avere mai la tentazione di andare a rileggere quelle cose prima che siano passati almeno sette decenni.

  5. davide-k Rispondi

    stai tranquillo achille, a 57 anni, riconglionito e sentimentale, morirai dalla voglia di riprendere “quei giorni”, ti convincerai che per sbaglio hai cancellato quei messaggi e scriverai a Maria De Filippi che vorresti ri-incontrare quella persona a te tanto cara. E con uno stupendo pianto in (non)diretta la riabbraccerai davanti a milioni di telespettatori e penserai: “ah cazzo, ma no… io li avevo cancellati volutamente i messaggi, d’oh!”

  6. Achille Rispondi

    La cosa più inquietante di questo tuo commento è l’idea che a 57 anni (cioè tra 26 anni) ci sia ancora Maria De Filippi a raccogliere certe lettere.

  7. paola Rispondi

    se pensi che in diretta da via fani…dove giaceva il corpo senza vita di Moro c’era…brunoneo vespa… direi che è più che probabile che tra soli 26 anni maria de filippi ci sia ancora…ho anche il titolo “c’è un e-mail per te”

  8. Achille Rispondi

    A sto punto io mi gioco “C’è un mms per te”

  9. Noantri Rispondi

    Mi battono sempre, invece.
    Quelle mail, quei messaggi, quelle lettere.
    Mi battono sempre.
    Non ce l’ho mai il coraggio di buttarle vie, cancellarla, non lasciarne traccia. Non ce la faccio, sono un debole o forse ho solo paura di addormentarmi da solo. Non lo so.
    Tu come ci sei riuscito?
    [Ste]

  10. robba Rispondi

    Quando ero ancora una ragazzina avevo una cassapanca piena di lettere di fidanzati (una cinquantina di fidanzati in tutto tra cui un lucchese che aveva promesso di scrivermi una lettera al giorno e l’ha mantenuta per un paio di anni). Avevo anche una raccolta di dodici diari del cuore (dai dodici ai ventiquattro anni, appunto). Dopo sono diventata una donna fredda. Adesso sms e mail di questo tipo le cancello subito dopo l’invio. Un diario del cuore ce l’ho ancora, ma serve per annotare le spese con la carta di credito e qualche appunto della quotidiana riunione di redazione.

  11. davide-k Rispondi

    La cosa più inquietante di questo tuo commento è l’idea che a 57 anni (cioè tra 26 anni) ci sia ancora Maria De Filippi a raccogliere certe lettere.

    Era proprio l’inquietudine il senso che il mio commento voleva dare.

  12. Achille Rispondi

    A proposito di inquietudine, volevo tranquillizzare alcuni amici che si sono preoccupati per il tono di questo post. Pare brutto ricordare che sul blog ho una certa tendenza a romanzare e generalizzare le cose? E che a volte scrivo oggi di cose lontane o che non mi sono nemmeno mai capitate? Comunque è bello sapere che vi preoccupate per la mia vita sentimentale. Avete delle amiche carine e single?

  13. ale Rispondi

    Ecco perchè da un po’ di tempo tendo ad intrecciare rapporti sempre più im-mediati. Lontana da sms, e-mail e altra roba così. Oggi sono passata proprio di fronte al tuo ufficio(ultimamente mi capita spesso) e avrei voluto salutarti di persona. Comunque alcuni messaggi vale la pena non cancellarli mai…Io almeno preferisco così.

  14. davide-k Rispondi

    io e te, tre metri sopra il cielo.

  15. SuperBimba Rispondi

    anch’io recentemente dato sguardo ad outlook dopo aver rianimato mio pc. trovate mail molto carine molto romantiche di un lui che mi piaceva tanto finché non mi ha scritto saresti perfetta per me se non fossi fidanzato.

  16. Giorgia Rispondi

    Ah, io ‘sti problemi non li ho: periodicamente mi si sfracella l’hard disk e perdo tutte le email vecchie ed altre cosucce che, ovviamente, ho dimenticato di riporre sugli appositi dischetti per il back-up…
    Come sono fortunata, eh?

  17. Achille Rispondi

    Sb: anzi, è stato onesto.

    Giorgia: trattasi di cosiddetto “crash fruediano dell’hard disk”.

  18. SmokingPermitted Rispondi

    In soldoni, la differenza tra ‘finito’ e ‘mai successo’ è piuttosto labile.

  19. subcomandante Rispondi

    rileggere il passato il più dellevolte è come andare in un posto trovarlo bellissimo fare una foto, tornare a casa, guardare la foto e non trovarci tutto il bello che ci avevi visto.

    altre volte il primo pensiero è “che cazzone che ero, lo sarò ancora?”

    ola subcomandante

  20. ngungu Rispondi

    non butto niente di ciò che è stato….voglio poter rigurdare tutto tra 10 anni (o magari semplicemente domani)…quando il cuore e le scarpe non saranno più così pesanti.

  21. Trackback: Deeario
    L'amore ai tempi dell'e-mail Virtuale e reale non vanno distinti.... deeario.it/permalink.asp?PostID=657
  22. saltino Rispondi

    E ridammi tutti i miei SMS (non è mia).

  23. Achille Rispondi

    Saltino, è bellina davvero. Me la segno.

  24. vis Rispondi

    A me l’amore ai tempi delle e-mail mi si è dissolto con la perdita della password.
    Poi ho imparato che la password dev’essere per sempre, più di un marito, più di un amante e ne ho scelta una davvero affidabile.
    Per sempre.

  25. Euridice Rispondi

    ogni tanto ne cancello pur’io qualcuna: non è più bella come quando l’avevo letta per la prima volta, non sa più di niente, e allora clic. Svuotiamo il cestino.

  26. Juice Rispondi

    ..ci pensavo anche io. Anche i ricordi sono digitali. Ho i backup di tutte le mail e ogni tanto vado a spulciarle. Ho i backup delle nostre email di lavoro AK !!

  27. SuperBimba Rispondi

    achì: onesto, ma magari metterla come premessa e non come conclusione mi poteva far più piacere.

  28. aotearoa Rispondi

    miiiii, che tristezza! un amore digitale…

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>