W Iacona

Dopo aver visto “W l’Italia: Case!” il nuovo programma di Riccardo Iacona su Rai Tre, potrei riproporre i tanti elogi e i pochissimi appunti dei tempi di W il mercato. Invece vorrei dire che l’eccezionalità di un programma dedicato allo scandaloso stato degli affitti e del mercato immobiliare nel nostro Paese mi riempie di tristezza. Perchè un problema contro il quale milioni di italiani sbattono la testa ogni santo giorno, conta meno del periodico plastico sul mistero di turno e della passarella di qualche politico circondato da soubrette stagionate opinioniste improvvisate.

16 Responses to W Iacona
  1. Enrico Rispondi

    Non so se qualcuno abbia scritto cose migliori su questo paese dopo “Povera patria” di Battiato, uno dei pochi brani dell’autore catanese con testi comprensibili, e “La terra dei cachi” di Eelst.

    Ci sono maree di cose sulle quali si dovrebbe parlare, ci si dovrebbe proprio sbattere la testa tutti quanti fino a che queste cose non siano risolte. L’articolo del blogger Alex che hai opportunamente linkato qualche giorno fa, ma anche – che so – i militari italiani tornato dalla “missione di pace” nei Balcani con leucemie varie, molti dei quali morti nel più assoluto silenzio.

    Ci sono le mafie e il loro potere, ovviamente (a proposito, lo speciale elezioni è pronto…), c’é che in Italia e in Europa la prima causa di morte per le donne è la violenza domestica.

    Eccetera eccetera.

    Ma sono tutte storie che non fanno quella cosa terribile che ci si è inculcata nella testa e che regola la vita collettiva. Fa talmente paura che è uina di quelle cose che chiamiamo con una parola straniera, per capirla di meno e sopportarla meglio. L’Italia ai tempi dell’audience, insomma.

    ps: e ovviamente i milioni spesi dall’ormai exm ministro della sanità per la terribile pandemia di aviaria che si è abbattuta su quattro cigni, due fagiani e un gatto che si credeva una gabbianella.

  2. Champion Rispondi

    Parole sante. Purtroppo la rappresentazione di tutto ciò che ha a che fare con la politica è concentrata sulla forma e tralascia la sostanza.

    Ma finirà. Come ogni rappresentazione del reale che non corrisponde più al reale che vuole rappresentare è destinata a finire.

    Travolti dalla loro inutilità i pennivendoli italiani si estingueranno presto e saranno sostituiti da centinaia, migliaia di Iacona.

  3. luz Rispondi

    E’ allucinante, lo sradicamento delle persone dall’ultimo avanposto della loro vita, l’assessore milanese che si fa bella di fronte alle disgrazie altrui tradendo l’astio verso la responsabile del Sunia… sono rimasta incollata al video e agghiacciata.

  4. funicelli Rispondi

    Per una volta, in prima serata, in Rai, si è visto il paese reale, con i suoi problemi. Niente più relity o fiction, ma persone concrete e poliziotti che imperturbabili, sgomberavano una casa con una persona malata dentro.
    Le inchieste di Iacona sanno cogliere il punto della questione: una città, Milano, che scaccia i suoi abitanti.
    Aldo

  5. MARTA Rispondi

    UN PROGRAMMA ECCEZIONALE,UNA STRONZISSIMA TIZIANA MAIOLO

  6. leo Rispondi

    tutto questo è vero.

  7. gattasorniona Rispondi

    L’ho visto anch’io ieri sera e mi ha lasciata con un senso di malessere. Bravissimo Riccardo Iacona. Non so come faccia la Tiziana Maiolo a guardarsi allo specchio ogni mattina.

  8. Giulia Rispondi

    Mi ha messo un’ansia che non vi dico.
    In qualsiasi momento, uno qualsiasi di noi potrebbe essere una qualsiasi di quelle persone.

  9. Achille Rispondi

    Eh no, Giulia. Non tutti. Solo quei pezzenti tra di noi che si ostinano a non riuscire a diventare ricchi di famiglia.

  10. Kekule Rispondi

    Ho avuto la stessa immagine di Giulia: un Paese diviso tra i molti in affitto ed i pochi con tante case da affittare.
    Un po’ come Bologna oggi. Un po’ come Firenze fra un po’: tutti a schierarsi per la giustizia, la pace, la fratellanza. Dopo aver riscosso l’affitto dallo studente fuorisede.

  11. MARTA Rispondi

    quei poveri vecchi costretti a lasciare le case dopo averci vissuto per decenni e l’appartamento da 10 miliardi.viva l’italia

  12. will Rispondi

    mi dispiace aver perso la trasmissione, dato che m’ero riproposta di vederla proprio perchè mi pareva interessante.
    la questione case mi riguarda da vicino, in quanto studentessa fuori sede, in quanto non ricca di famiglia, in quanto a luglio mi tocca traslocare.
    c’è da dire che nella ricerca di un nuovo tetto che mi ha vista impegnata in questi ultimi due mesi, sono rimasta allibita dai prezzi, dalle offerte di quei figli di puttana degli agenti immobiliari (perdonatemi se tra voi ce n’è qualcuno), per le prese per il culo dei padroni di casa che non solo si intascano i soldi in nero ma ti guardano pure dall’alto in basso come se fossi un povero pezzente schifoso o un buono a nulla pronto a fregarti. io chiedo e pretendo referenze anche per i proprietari: è in regola con il pagamento delle tasse? perchè i vecchi inquilini sono andati via da questa casa? gli impianti elettrici sono a norma? mi fa vedere il certificato 626, per cortesia? e via dicendo.

    che poi (perdonatemi se sono prolissa) se davvero si volesse combattere l’evasione fiscale si potrebbe cominciare aprendo un porta portese qualsiasi.

  13. pilon claudia Rispondi

    Iacona sei eccezionale, mi dispiace un sacco che dalla prossima domenica s’interrompa la tua trasmissione. Complimenti per il lavoro serio e preciso che svolgi. Il nostro paese ha bisogno di buona informazione e per fortuna esistono ancora persone come te a garantirla.
    Torna presto !!!!!!!!!

    Mestre, 03/04/06

  14. Floriana Rispondi

    Eccezionale fantastico e ..non basterebbero gli elogi per gli argomenti trattati ed anche per la qualità del lavoro svolto .Secondo me il merito più grande di Iacona è di aver smosso gli animi e di aver fatto crescere dentro di noi un a forte rabbia . Il limite che non ha ancora superato è di farci immedesimare nei personaggi che vediamo ,molti di noi infatti quando assistiamo a queste scene pensiamo “Poverini , ma noi non stiamo così, stiamo meglio ” .Dobbiamoriuscire a rispecchiarci nelle personaggi che vediamo e comprendere che il discorso riguarda tutti nel presente e nel futuro . Dobbiamo smettere di metterci la mano davanti agli occhi e dire che “va tutto bene” per paura di affrontare i problemi . Grazie mille Riccardo !!
    Flò

  15. Fabio Rispondi

    Ce ne fossero di giornalisti così!
    Già seguivo le inchieste fatte per i programmi di Santoro,
    ma devo dire che in Case! Ospedali! Tribunali! Iacona ha
    davvero superato se stesso. Sarà anche perchè l’Italia va
    sempre peggio?

  16. Luca Ajroldi Rispondi

    Iacona for ever. fantastica inchiesta

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>