Giù le mani dal Califfo

Cercate di capirci: noi una volta ci speravamo in una tv di qualità. Ad esempio ci avevano promesso il Telesogno. Doveva realizzarlo Maurizio Costanzo. Non so se mi spiego. Quello che adesso fa il capostazione dei trenini sul discosamba di Buona Domenica. È ovvio che, dopo delusioni del genere, uno le trasmissioni di qualità smette persino di sognarle e si appassiona al trash, ai disturbatori, agli sporcatori di una televisione che solitamente fa morire di noia.

Il brutto è che stanno cercando di levarci anche questa piccola consolazione. Prendete ad esempio Orlando Portento, il signor Triccheballacche. È piombato dal nulla o quasi nella prima serata di Mediaset. Ha attaccato tutto e tutti per l’esclusione di sua moglie dalla Fattoria. Ha inveito contro il potere di Moggi e della Juventus, delle combriccole e delle cammellate. È durato una settimana. Già il lunedì dopo era rientrato nei ranghi, pronto a interpretare la macchietta di se stesso nello studio che poco prima era pronto a mettere a ferro e a fuoco, a esibire il suo gergo e le sue mosse, spogliati di ogni forma di denuncia, nelle buone domeniche soporifere e nei salottini pomeridiani che parlano di gossip, vip e reality show.

Ora ci stanno provando con Franco Califano. In vista della sua partecipazione al nuovo Music Farm (che per inciso inizia stasera), è iniziato un tentativo di riportare il cantautore romano, autore di versi come «dalla finestra si affaccia una donna e un sorriso mi fa, è una di quelle ma è bella e stasera mi va», dentro canoni più rassicuranti. A Domenica In lo invitano per beatificarlo in quanto impegnato nel sociale e nella beneficenza ai poveri. Alle Iene lo sbeffeggiano, organizzando un comico addestramento sul come trattare una donna come una persona e non come terra di conquista. Ma lasciatelo stare. Lui, che ha scritto e cantato parole come «Io, che non la davo vinta neanche morto, io che mi hanno sempre tolto il passaporto» non è fatto per questo. Non provate a farne un signore di mezza età, rabbonito e imborghesito.

Se Califano va in tv, deve andarci per fare il Califano. Deve insidiare tutte le donne, pontificare sul sesso, esporre i suoi errori e i suoi orrori, raccontare come si vive e si sopravvive, come si imbroglia, come si sbroglia e come si sbaglia. Deve cantare storie di naso e di coltello, ricordare albe malandrine e acchiappi in treno. Omaggiare il testosterone come ogni tanto vorremmo fare noi se non avessimo freni inibitori, né timore delle conseguenze. È uno dei pochi maestri cattivi ma innocui che ci rimangono. Lasciatelo libero di disturbare il senso del pudore e qualche associazione di genitori, e noi guarderemo il vostro ennesimo reality show. In cambio continueremo a sopportare tutto il resto. Che, come si sa, è noia.

Achille Corea
Articolo pubblicato su Il Sardegna e su tutti gli altri giornali del progetto Epolis

22 Responses to Giù le mani dal Califfo
  1. lupina Rispondi

    Achille, sottoscrivo ogni tua lettera col sudore di una sana trombata.
    Giù le mano dal Califfo

  2. Asended Rispondi

    Approvo e quoto!

  3. EmmeBi Rispondi

    C’è solo il Califfo. Tutto il resto è noia.

  4. ciccio formaggio Rispondi

    portento update: pare sia uscito anche un bel cd con la cammellata in musica. fagocitato nel triangolo reality-verissimo-discografia da gadget di tv sorrisi&cazzoni in tre settimane. vergonia! vergonia! vergonia!

  5. valeria Rispondi

    confido anche nelle sorprese che potrebbe riservarci alberto fortis.

  6. ciccio Rispondi

    E ti pare facile contenere il Califfo? Secondo te con quale mezzo gli impediranno di importunare e forse anche di approfittare del gentil sesso? Basterà il bromuro? Ne vedremo delle belle (forse anche un’esclusione-necessaria-forzata-anticipata ).

  7. egine Rispondi

    fare il Caiffo quando lo faceva lui, lo facevano
    tutti, ma ovviamente non tutti lo facevano
    altrettanto bene, fare la stessa parte oggi
    è patetico e grottesco, quel linguaggio televisivo
    è indietro persino al format che lo contiene.

  8. ugo Rispondi

    applausi!

  9. enver Rispondi

    …guarda a pag.37 del Venezia o del Mestre chi firma… ;)

    (complimenti, mi hai fatto ridere molto)

  10. enver Rispondi

    ah io di questo Portento niente sapevo
    ma ho trovato in giro due link ai suoi deliri
    il primo acappella il secondo remixato

    http://s5.yousendit.com/d.aspx?id=1QETML06HISCK1YFVOBL5CRA9W

    http://s5.yousendit.com/d.aspx?id=37WPM974GAQMN2JHVZYKCECYZX

    engioi (maledetto lui)

  11. diderot Rispondi

    1. dispiace per califano, un grande artista ridotto a macchietta
    2. su portento: http://tinyurl.com/nmpl9

  12. Achille Rispondi

    Forse non è chiara la mia posizione. Io ho comunque fiducia in Califano. Il suo essere sopra le righe lo trovo infinitamente più artistico e affascinante dell’essere sopra le righe di tanti personaggi di oggi. Staremo a vedere.

  13. Achille Rispondi

    Ah, su Portento: il pezzo del quale si sente un sample sul blog linkato da Diderot l’ho sentito l’altro giorno a Buona Domenica (con tanto di balletto e un Portento che non accenna nemmeno a fare il playback). La mia idea rimane quella: il primo giorno lo adoravo (e da lì bannerini, post, iniziative, tutto) già dopo sette era un amore finito…

  14. Smeerch Rispondi

    Staremo a vedere cosa succederà e come si comporterà il Califfo.
    Intanto complimenti al signor Corea per il pezzo.

  15. akiro Rispondi

    boh, io non capisco tutto questo affetto per califano

  16. egine Rispondi

    preferisco ricordarlo con le sue canzoni, che per
    fortuna non hanno mai avuto bisogno del
    passaporto.

  17. kossino Rispondi

    certo che dopo Pappalardo non era facile trovare uno della medesima statura

  18. giò Rispondi

    medesima statura?

    ..cosa devono leggere i miei poveri occhi…

  19. enver Rispondi

    niente articoli oggi? mi tocca fare tutto da solo? :D

  20. Achille Rispondi

    Enver, con calma. Mica è il mio blog quel giornale :)

  21. [...] E così sembra (chissà perchè tra l’indifferenza degli altri giornali) che l’avventura di ... akille.net/?p=1091
  22. giftqoq Rispondi

    Christmas Gifts – Ideas for the 2007 Holiday Season! Unique Christmas Gifts!!!

    [b][url=http://bestchristmasgift.info/archive/unique-christmas-gifts.html]>> UNIQUE CHRISTMAS GIFTS

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>