Il processo retrocesso

Non è stata solo la juve a pagare per calciopoli. Con il ritorno del campionato è ritornato anche Aldo Biscardi, che per le intercettazioni ha perso il suo posto nel palinsesto di La 7, e ha trovato ospitalità su 7 Gold, televisione bolognese con buona diffusione nel nord e centroitalia, nota ai malati di calcio per le sue dirette sportive animate da giornalisti più tifosi degli ultrà. Le armi sono sempre le stesse: opinionisti tracimanti (da segnalare il ritorno di Gazzaniga), politici di primo piano (Cento e Taormina, per dire) vallette belle e mute (anche se questa nuova dimostra di avere favella e di essere abbastanza sveglia, rischiando l’esonero). Palpabile l’emozione, palese il nervosismo: i giornalisti della redazione, che da anni sognavano di lavorare con il giornalista che vanta più tentativi di imitazione, saltellano sulla sedia e incespicano un po’ troppo. Anche Biscardi è più confuso del solito, e qualcosa è da rivedere, soprattutto nell’audio (sarebbe il caso di spegnerli, i microfoni, mentre ci si mette d’accordo su cosa dire dopo o durante i servizi e la pubblicità).
Ma quando cadono gli eroi, tutto si rivela più duro del previsto. E così scopri che ci sono agguerriti avversari, rivitalizzati dalle tue sciagure, e che non tutti i tuoi amici ti sono fedeli.
Dove sono infatti i giornalisti resi famosi dalle presentazioni altisonanti di Biscardi? Dove sono i Crudeli, i Corno, i Melli? Sono qualche canale più in là su Antenna 3 (ripreso da Europa 7 e Voxson 7, ma quanti canali col 7 ci sono in Italia?) dove va in onda Lunedì di Rigore, che schiera uno staff micidiale, rinforzato dai transfughi del processo, con star come Graziano Cesari e il super ospite Luciano Moggi. Il quale, visto che non ha più l’anima, ormai è più zen di un monaco zen. Le accuse e le domande rimbalzano sui suoi occhiali, e lui, a mano a mano che la serata va avanti, ride, battuteggia, sbeffeggia e gigioneggia. La gente è con lui, dice. E mentre lucianone fa il suo show seduto in mezzo a giornalisti che dovrebbero incalzarlo e che lui chiama “amico mio”, Biscardi è ancora impantanato nella discussione sul programma della Ventura che il giorno prima ha dato così tanto spazio a Moggi. Benvenuto nella jungla delle tv private locali-quasinazionali, caro Aldo. Qui si lotta e si corre, e ogni puntata è una battaglia. Lontano dalle prime pagine dei giornali e dai numeri dell’Auditel. Ma tu sei Aldo Biscardi, e sei in onda da 27 anni. Record mondiale, ripeti ossessivamente, record mondiale. Lo sappiamo, Aldo, e ti aspettavamo. La gente è con te. Senza di te il calcio in tv non sarebbe stato più lo stesso.

23 Responses to Il processo retrocesso
  1. Smeerch Rispondi

    …quanti canali col 7 ci sono in Italia? Te lo dico io: tanti. Il motivo è presto detto. Ambiscono tutti ad occupare il tasto n.7 sul telecomando. Si sa benissimo che l’uno il due ed il tre sono occupati dai canali Rai. Il 4 ed il 5 da Rete4 e Canale5. Il 90% degli italiani, poi ha Italia1 sul tasto numero 6 (tranne me che ce l’ho sul 9). Rimangono il 7, l’8 e lo 0. Io ci ho messo rispettivamente La7, MTV e Flux. Invece 7 Gold, Europa 7 e Voxson 7 con me non l’hanno avua vinta: sono infatti relegati definitivamente dal tasto 10 in poi.

  2. rael Rispondi

    Salve, non c’entra nulla, ma avrei inviato una graziosa e-mail all’indirizzo akillechiocciolaakillepuntonet.

  3. giò Rispondi

    “Palbabili emozione e nervosismo:”
    te sei fatto roscio senza dircelo aGhì? :P

  4. Achille Rispondi

    Eh?

  5. Achille Rispondi

    Non l’ho capita subito, non devo essere particolarmente lucido.

  6. Enrico Rispondi

    Non sapevo di questa cosa, a ennesima riprova che la tv vista da Achille è un servizio pubblico ; )
    Ad ogni modo, mi chiedo: a che serve cambiare gli uomini, retrocederne qualcuno e far cambiare lavoro a qualcun altro se non cambia la sostanza delle cose? Il calcio è ripartito come se questo processo estivo all’acqua di rose non fosse mai esistito.

  7. Achille Rispondi

    Da una parte ci sarebbe il fatto che è difficile dire ad un tifoso della juve, della lazio o della fiorentina che non è successo niente.

    Dall’altra c’è da dire che ora abbiamo Matarrese come uomo nuovo e nemmeno uno straccio di giocatore, arbitro o dirigente che abbia sentito il dovere di chiedere scusa o di pentirsi. Tutto molto italiano, verrebbe da dire, ma sarebbe troppo superficiale.

  8. Disorder Rispondi

    Ecco, appunto. Non è successo niente ma io sono a meno 19, per ora.
    Cornoelio e Melli non lo dovevano fare però, non esiste più la lealtà :)
    Interessante la notazione sulle mille tv che fanno la corsa a essere il numero 7 sul telecomando…miracoli del duopolio televisivo italiano.

  9. Mae* Rispondi

    “Dall’altra c’è da dire che ora abbiamo Matarrese come uomo nuovo e nemmeno uno straccio di giocatore, arbitro o dirigente che abbia sentito il dovere di chiedere scusa o di pentirsi.” anfatti. grande achille.

  10. mikebongiorno Rispondi

    ma sta rete cell’ha il televideo? magari finalmente possono mettere i sottotitoli in italiano.

  11. Ale Rispondi

    Ho visto entrambe le trasmissioni, mi è sembrato che QSVS avesse una marcia in più. Il processo orfano di Elio Corno, Franco Melli, le “bombe” di Ravezzani e Tizianino Crudeli è apparso poca roba anche se il vecchio leone Gazzaniga si è battuto come poteva.
    Biscardi, come la juve, deve abituarsi alla nuova categoria.

  12. LucaMarja Rispondi

    altro che portento, è questo il post da mandare in nominescion. e cmq mi orienterò a seconda di dove compare il direttore de “La schedina”. Sic statuit.

  13. Achille Rispondi

    Posso dirtelo io: il magnetico Vincenzo Carchidi è rimasto fedele a Biscardi.

  14. orsodingo Rispondi

    da ravezzani sono riusciti a parlare in sei contemporaneamente, un record!
    (ielpo, bergamo, moggi, corno, ravezzani e melli)

  15. Enrico Rispondi

    Achille,Disorder: per succedere è successo sì qualcosa. Ma il mio ragionamento non si basa su quei cinque fessi che hanno preso le penalizzazioni. Si basa su Matarrese che ritorna e parla di calcio pulito, sul tarallucci e vino generalizzato – e sarà pure banale questa considerazione, ma così finiscono queste cose in Italia – , su Moggi che ora fa la vittima, su Lippi che se l’é data a gambe levate quando poteva fare l’eroe, su Lotito che ha beccato due anni e dispari e mi pare faccia ancora il presidente, su biscardi che invece di andarsi a sotterrare elemosina contratti dove capita. A voi pare uno scenario così nuovo, o comunque accettabile?

  16. Ed Rispondi

    Ciao,
    faccio il giro dei nominati da Macchianera. Complimenti, non ti conoscevo ancora ed è stato un piacere.
    Magari ritorno.

  17. Enrico Rispondi

    Ehm… se scrivo Moggi va in moderazione il commento?

  18. Achille Rispondi

    Enrico: Boh, vai a capire, potrebbe anche essere che sei andato in moderazione per Lotito. O per Matarrese.

    Ed. vedi che a qualcosa servono sti macchiawards? non escludere il ritorno (Califano docet)

  19. Smeerch Rispondi

    Grazie Disorder.

  20. Disorder Rispondi

    @Enrico: hai ragione anche tu, abbiamo ragione tutti (tanto per fare un poi il Biscardi della situazione). Indimenticabile la battuta di Matarrese pochi giorni dopo la sua elezione “BASTA, le squadre hanno già pagato abbastanza” (ma se i campionati con le penalizzazioni non erano ancora iniziati!)

    @Smeerch: ehm, mi vergogno un po’ a dirlo, ma per onestà devo dirlo…col discorso sul 7 mi riferivo solo al post di Achille, non avevo letto mica il tuo commento! O era andato in moderazione quando ho commentato io, oppure sono completamente cacàto :(
    Comunque tu avevi approfondito meglio e prima :)

  21. roberto Rispondi

    Aggiungo solo che per quanto riguarda Corno, Crudeli e Ravezzani non si è trattato di tradimento a Biscardi: avendo traslocato su una rete loro concorrente, i loro contratti impediscono che vadano a dargli una mano, ovviamente.

  22. Limo Rispondi

    Ha ragione Roberto. Crudeli e Corno sono stabilmente a QSVS (che io vedo su TeleLombardia) e solo all’occorenza prestati a Biscardi.

  23. fabio Rispondi

    Ragazzi ho saputo una notizia “bomba” Ravezzani e company non sono più al Processo del Lunedi, non perchè prestati all’occorrenza e di Telelombardia come ho letto, ma perchè Ravezzani ha cercato di fregare il posto a Biscardi, dopo 26 anni pensava di potere fregargli il posto..Biscardi si è arrabbiato molto e li ha mandati via.
    Non c’entrano niente i contratti perchè al momento che è successo Biscardi ancora non sapeva che andava a 7 gold.

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>