Rhum on the rocks (Buena vista rhythms del mundo)

Lo so, lo so, dovremmo smettere di esaltarci per delle cover, di elogiare rifacimenti in varie salse di varie cose. Lo so, lo so, è un segno tangibile della fine della creatività, della morte della musica, del barile, del fondo, eccetera. Ma sapete che c’è? Dopo l’amore per Sagi Rei e il supporto a Caraturo, ci sto cascando di nuovo. Il fatto è che tu sei lì che ti prepari per uscire, la mattina, e l’umore e quello che è, e la guardia è abbassata, e dalla radio (diavolo di un Fabio Volo) parte il piano di Clocks dei Coldplay, e tu alzi perchè è un gran bel pezzo. E improvvisamente quel giro di piano si spezza, e si trasforma in un ritmo latino. Il tempo di chiederti cosa sia, e ci sei già dentro con tutte le scarpe. Rhythms del mundo è un nuovo progetto del Buena vista social club, che ripropone in versione afro-cubana alcuni pezzi rock e pop, anche molto famosi. Ci sono i Colplay, c’è il nostro amico Jack Johnson, ci sono gruppi giovani e insospettabili come i Franz Ferdinand, gli Arctic Monkeys, i Kaiser Chiefs. L’effetto a volte è straniante ma gradevole, a volte ipnotico, a volte semplicemente divertente. One step to far di Dido a me sembra decisamente meglio in questa versione, con I still haven’t found what i’am looking for degli U2 rifatta da Coco Freeman è subito festa, i Maroon Five acquistano tutta un’altra luce, High and dry melodica e latina sembra un sacrilegio finchè non l’hai sentita, mentre per Killing me softly ricantata da Omara Portoundo c’è solo da fare un countdown, fino al momento in cui verrà inserita nella colonna sonora di qualche film indipendente ma di successo. Insomma, tra pezzi rock e superclassici, è bastato un veloce ascolto per far scattare, se non l’amore, almeno l’innamoramento.

Ah, dimenticavo: il disco nasce dal progetto Artists Project Earth, che raccoglie fondi per le vittime dei disastri ambientali e cerca di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dei cambiamenti climatici. Così c’è anche una motivazione seria all’acquisto oltre che all’ascolto.
Sito ufficiale di Rhythms del mundo Cuba

Alcune tracce da ascoltare su Myspace

16 Responses to Rhum on the rocks (Buena vista rhythms del mundo)
  1. GG Rispondi

    sul genere “cover stravolte” hai mai provato Richard Cheese?!? :D
    te lo consiglio…

  2. Dblk Rispondi

    Clocks così è davvero ipnotizzante. A proposito di esperimenti del genere, un Frankestein inquietante è quello chiamato Q-Unit, un mix di canzoni dei Queen unite a quelle di 50 cent. E anche la copertina del cd fa paura. Ciao, Dblk

  3. analogicourbano Rispondi

    Bella dritta Akille! Ciao

  4. achille Rispondi

    GG: celo ce l’ho

    Dblk: mi manca

  5. Smeerch Rispondi

    A me di Richard Cheese piace molto “Smack My Bitch Up”, la cover di un brano preso dall’album “The Fat Of The Land” dei Prodigy.

    OFF TOPIC: Quesito ‘camionario’ per Akille e Tony Siino > http://smeerch.splinder.com/post/9914927/Esperti+del+quartierino

  6. SuperBimba Rispondi

    io mi faccio del male con Emmerson Nogueira.

  7. GG Rispondi

    di Richard Cheese adoro Welcome To The Jungle e Chop Suey… :D

  8. Luci Rispondi

    Ho appena sentito per radio “Clocks”, stupenda fatta così! Non pensavo.

  9. Achille Rispondi

    SB: no, non fare così…

    Luci: a, va beh, non fidiamoci allora… ;)

  10. Luci Rispondi

    Se non sento non credo! :-D

  11. Sara e Andrea Rispondi

    Bene… tutto ciò che hai scritto è proprio ciò che è realmente..
    Ovvero: siamo qui in ufficio (ok, il capo permette, specie quando se ne esce!) ed in sottofondo sta suonando “She will be loved”. Pura poesia per le orecchie!
    Sarà, ma a noi le cover, se fatte proprio, ma proprio bene, piacciono moltissimo. Sagi Rey, scoperto per caso un pomeriggio a “Tropical Pizza”, ci ha subito affascinati e Clocks… beh, già di suo è una canzone che ti prende il cuore (come quasi tutte le canzoni dei Coldplay), se poi la unisci al calore del ritmo latino, diventa l’apoteosi di uno scombussolamento interiore che ti trascina ad una festa in spiaggia, Mojito in mano e falò scoppiettanti oppure sotto ad una palma, Pina Colada ghiacciata ed onde oceaniche che accompagnano l’orchestrina sotto al gazebo… Un album che merita tutto il successo possibile, CONSIGLIAMO DI ACQUISTARLO anche perchè inciso per una buonisssssima causa. Non piratatelo… Merita tutto il nostro appoggio!!!

    BUON ASCOLTO

    Sara e Andrea

  12. Adrian Rispondi

    Ic CD arriverà appena il 25 sotto l’albero di Natale

    intanto mi “faccio” di trailers dal sito ufficiale

  13. Marco Rispondi

    Ciao A tutti , appena comperato il cd , dal sito della sony , coldplay fantastici …

  14. [...] Roma è sempre Roma. L’ho goduta poco stavolta, ma intensamente. Qualche ora da sola in giro per i... aluccia.com/weblog/2007/07/08/fritto-misto
  15. Ale ti amo BY topo 82 Rispondi

    un buon rhum deve essere sopratutto CUBANO,CON STAGIONATURA ALMENO 6 ANNI,CHE COSTA ALMENO 30$ A BOTTIGLIA E SICCURAMENTE CHE SIA IL MATUSALEM!!!in 15 anni che faccio il sommelier non ho mai provato nulla di più buono…un bacio ad ale…Gabry 1982.

  16. [...] dell’esaltazione per le cover acustiche di brani dance di Sagi Rei, o per le cover rock dei Buena ... akille.net/2009/07/22/ancienne-vogue

Rispondi a Dblk Annulla risposta

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>