Core de sta città

Visto che i lettori di questo blog si sono discretamente appassionati a notevoli querelle come quella sul significato esatto del verbo “rosicare” o sulla differenza sociogeografica tra dire la metro o il metrò, volevo segnalare questa interessante dissertazione di Borgognoni sul corretto utilizzo di due termini spesso confusi. La spiegazione, al termine di una sapida esegesi, viene così sintetizzata:
“Sticazzi = Chissenefrega, non me ne importa nulla.
Me cojoni = Nooo, mi prendi in giro!, Non ci credo! Incredibile!”

La differenza tra questi due modi di dire che spesso si sovrappongono (fuori dal Raccordo) è un tema del resto molto sentito, ed era già stato affrontato da Zoro nella prima videocronaca del Grande Fratello e richiamato nell’ultima (che forse è l’unico motivo per cui rimpiangiamo la fine di questo reality).
Insomma, la romanità è di moda. Ma non s’improvvisa, bisogna studiare. E ve lo dice un calabrese che sta qui da undici anni e ancora ogni tanto ne scopre una nuova.
Aggiornamento: non vorrei avere aperto una specie di vaso di Pandora (anzi, de Pandora), ma la letteratura a riguardo comincia a rivelarsi più vasta di quella relativa alle regole per avere successo nel lavoro e nella vita. Luca Sofri (pisano, n.d.b.) ne aveva già parlato in un Re:no subject del settembre 2006.
Pandora. Effetto Pandora. Giovani Tromboni aveva sfruculiato Gianluca Neri su questa cosa già nel 2003. Siamo già al blog-revival.

28 Responses to Core de sta città
  1. Smeerch Rispondi

    Confermo. Io ho sempre inteso così.
    E sticazzi! = E chi se ne frega!
    Me cojoni! = Caspita! Accipicchia! Da non confondere con “me stai a cojonà” che significa “mi stai prendendo in giro”.

  2. brassy Rispondi

    Da romana da una generazione confermo.
    Anche se ogni tanto ne scopro una anche io, tipo mancoalicani , che quando l’ho visto scritto così (e non così: manco-a-li-cani) da un mio amico veneto gli ho domandato anche il significato.
    Va beh, ‘sti cazzi.

  3. Achille Rispondi

    No. fermi tutti: manculicani è calabrese! O comunque meridionale. Non facciamo come quelli che pensano che minchia sia un termine tipicamente milanese.

  4. laPitta Rispondi

    mi permetto, il “me cojoni” non è sempre inteso solo per esprimere stupore e meraviglia. il più delle volte viene utilizzato con sarcasmo :-) tu ad esempio mi racconti le tue prodezze, professionali, sessuali, sportive, e io ti rispondo con un bel “me cojoni”.
    consiglio a tutti la scuola di lingue per italiani di greg e lillo a 610, su radio2. questa settimana la perla è stata “stay beef” :-) )))

  5. Tetterifatte Rispondi

    Akì, t’assicuro che mancalicani e proprio romano. Manculicani sarà il corrispettivo calabro. La palma d’oro va a “vammoriammazzato”. Come lo diciamo noi, non lo dice nessuno.

  6. Achille Rispondi

    Lapitta: vero.

    Tetterifatte: oddio, ho una lettrice con questo nome?

  7. alesstar Rispondi

    mmm in effetti anche il “sticazzi” ha diverse intonazioni che gli danno diverse sfumature, però. non so se dipende dal fatto che son cresciuta fuori il raccordo con nonna calabrese XD

  8. Tetterifatte Rispondi

    Non fare il superfiaciale, “nomina sunt consequentia rerum”. Però mi sa che ora sono molto offesa.

  9. laspostata Rispondi

    Invece piu’ a nord “sticazzi” si usa sia al posto di mecojoni (“eppero’, pensa te”), sia nell’accezione “e che ci vorra’ mai”.
    Per la seconda opzione e’ consigliabile, per non essere fraintesi, premettere “anche un po’”:
    “si’, ma anche un po’ sticazzi” = “vabbe’, dimmi una cosa che non so/ cosi’ son buoni tutti” eccetera.

    Pero’ l’accezione romana sta prendendo piede ovunque.

  10. DJ Peach Pit Rispondi

    Lo sai (anzi: ‘ce’ lo sai) che io a queste ‘provocazioni’ non resisto.
    “(e) ‘Sticaxxi ” vuol dire: non me ne importa nulla.
    “Me’ cojoni” vuole dire: accipicchia (anche usato in senso ironico)
    Chi dice: “al nord si usa in quest’altro modo” mi fa venire l’orticaria.
    “Minchia”, che è termine siculo e che è stato introdotto dagli emigranti prima a Torino (“Minchia Sabri..”) poi a Milano, non viene certo usato in maniera differente dal suo significato originario. Non è una questione di ‘accezione’. E’ questione di espressione dialettale.
    Quindi: ‘sticaxxi = chissene.
    Dateve ‘na regolata, altrimenti je lo dico a Uolly ;)

    Quanto a
    Insomma, la romanità è di moda. Ma non s’improvvisa, bisogna studiare. E ve lo dice un calabrese che sta qui da undici anni“, vorrei ricordare a tutti quelli che non lo conoscono personalmente che il tenutario di questo blog ha superato con il massimo dei voti (e bacio accademico di “Betto e Meri”) l’esame di “Romano 10″. Conosco gente che è qui da anni e si è fermata alla terza annualità.
    Rispetto.

  11. Morris Rispondi

    Comunque è vero: qui, giù nel nord, ‘sti cazzi è inteso come ‘caspita’, ‘però’.
    La prossima volta, voi che siete del posto, fate girare qualche circolare ministeriale sull’uso del dialetto; ho passato una vita a dire ‘non me ne importa nulla’ con faccia stupita.

  12. tengi Rispondi

    grazie. mi si è aperto un mondo.

  13. Paolo Rispondi

    sticazzi rende molto bene anche con il prefisso ma –> masticazzi. Suona più rotondo…

  14. giò Rispondi

    mah… gente strana quelli del nord…
    su sto di equivochi romani mo’ verifico na cosa e se è come penso mi permetterò di suggerirti un post..
    si posso.

  15. giò Rispondi

    manca “tema” tra “sto” e “di”.
    comunque sticazzi, se capiva

  16. miic Rispondi

    che figura, io sono andato a rimorchio del rimorchio del rimorchio. ma vabbè, sticazzi.

  17. garbaland Rispondi

    Se ne era parlato due anni fa anche da me (http://garbaland.belfagor.net/archives/105-Annotazione-confusa.html#c1339). Comunque, a laspostata del commento #9: dici che sta prendendo piede l’accezione romana. Io al contrario ho invece trovato qualche romano che inizia ad usare sticazzi anche alla milanese, cioè come espressione di stupore.

  18. vic Rispondi

    Paolo, “masticazzi” lo trovi pure nelle tavole delle declinazioni, congiuntivo, condizionale, una roba di quelle. Io mastico, tu masticasti, che io masticazzi.
    E’ parente del “che io fotti” di fantozziana memoria.

    Miic: ormai hai adottato l’approccio cinese, riesci a produrre dei post virtualmente indistinguibili dagli originali. Attento che prima o poi ti ci passo sopra con un rullo compressore.

  19. Achille Rispondi

    Booni, booni. Che state a litità nei commenti mia?

    Piuttosto, siate gentili con tetterifatte, che se l’è presa, e ha cominciato a parlare lingue morte.

  20. Antar Rispondi

    Mi posso mettere in fila pure io?
    Ne avevo parlato a giugno 2005 [ http://cornersoul.splinder.com/post/5053860/misuriamo+le+parole ] e c’era pure una storiellina esemplificativa che secondo me chiarisce molto…

  21. miic Rispondi

    non ho capito se l’approccio cinese è un complimento o un insulto sanguinoso…(ma la minaccia del rullo mi fa temere la seconda che ho detto)

  22. vic Rispondi

    Tranquillo Miche’, trattavasi di conseguenza del combinato disposto del tuo recente viaggio e della mia lettura di cose come queste:
    http://www.edmunds.com/insideline/do/News/articleId=117145
    che mi ha causato una momentanea deriva alla Louis Vuitton, presto rientrata.

    Con immutata stima e ammilazione.

  23. miic Rispondi

    tanto tra un po sti cinesi ce fanno er culo a tutti (per aggiungere un altro tocco di qualunquismo romaneggiante)

  24. laspostata Rispondi

    @garbaland: i romani che conosco io, prima di fare qualsiasi cosa “alla milanese” si scuoierebbero vivi passandosi nel tritarifiuti.

  25. garbaland Rispondi

    @laspostata: ovviamente queste persone non lo sanno che stanno parlando “alla milanese”, altrimenti ci starebbero più attente. E io non mi azzardo a dirglielo

  26. Clodiclo Rispondi

    No c’è differenza tra “Me cojoni” e “Me stai a cojona’” se non il fatto che la prima è al presente indicativo e la secondo al gerundio. “Me cojoni” significa esattamente “mi coglioni”, “mi prendi in giro” dal verbo “cojonare” ossia trattare come un “cojone”. Infatti “me cojoni” si usa esattamente con questo significato e si dice quando qualcuno ci dice qualcosa che ci suona non vera, esagerata. Un amico dice: “Mi sono comperato una Ferrari”, e l’altro risponde “me cojoni?!?!” ossia “mi coglioni, mi prendi in giro, ma davvero?!?!”. I non romani pensano che forse significhi letteralmente “i miei coglioni” (in linea con “‘sti cazzi” che significa invece “non me ne importa nulla”) ma non è così poiché in romano si direbbe allora “i mi cojoni” o “mi cojoni” e non “me”. Baci da Clodico romano da innumerevoli generazioni.

  27. Giovanni Rispondi

    Anfatti “me cojoni” se po’ pure di’ in italiano “me canzoni” cioè “me stai a canzona’”, “me stai a prenne in giro”, “me stai a pija’ per c..o”

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>