Milano is burning, chiamate i pompieri

Mi dicono che gira da qualche giorno in rete una cosa che si chiama Milano is burning, attribuita a tale “Frangetta”, con la pretesa di diventare un tormentone. L’ho sentita grazie a Youtube. L’idea (nel testo) è anche carina, ma mi sembra una cosa veramente inascoltabile. Ma un essere umano di sesso femminile che ci mettesse la voce non l’hanno trovato o è una scelta artistica? Boh.
Milano is burning, Frangetta

p.s. e comunque, purtoppo, “le mie amiche sono troppo delle pazze” non è una prerogativa delle ragazze milanesi, anzi…
Aggiornamento: ma lo sapete che, sentendola due, tre volte…

44 Responses to Milano is burning, chiamate i pompieri
  1. quince Rispondi

    Se è inascoltabile diventerà un tormentone di sicuro. Prova a segnalarmi un tormentone degli ultimi anni che abbia il suo perché. Purtroppo l’industria discografica è quasi allo sfascio.

  2. pierone Rispondi

    però il testo fa ridere, e molto. la voce meccanica femminile acuisce la ripetitività e l’intercambiabilità delle cose elencate: lavoro in un bar/faccio la cameriera/la barman/faccio la dj/ho fastweb/scarico un film di rossellini/passolini/chattiamo sul messenger/ti faccio vedere la foto della mia gatta/ti passo una canzone carina. una specie di vuoto pneumatico riempito dall’aperitivo (e lo so bene: anch’io mi scarico i film di derek jarman e passo canzoni carine via messenger)

  3. alesstar Rispondi

    allucinanteeeeeee

  4. Smeerch Rispondi

    CA.PO.LA.VO.RO!!!

  5. barbara23 Rispondi

    C’è chi suonava London is Burning e chi ora si deve accontentare di Milano.

  6. Zoost Rispondi

    sentita a radio deejay, Linus la stà passando tutte le mattine.
    quindi la probabilità che diventi un tormentone è altissima
    La musica è terribile (roba da discoteca della domenica pomeriggio a metà anni 90), ma il testo è veramente azzeccato.
    e comunque visto che parla di alcuni posti di Milano, aspettiamoci la versione romana, napoletana etc etc…

  7. Emanuela Rispondi

    Sentita nella replica di deejay chiama Italia…la cosa che mi sconforta è che non abito a Milano da ormai 5 anni e nella canzone ci sono ancora gli stessi locali considerati “trendy” di allora…quando ho sentito nominare il Gasoline mi sono rivista a 26 anni. Gosh.

  8. sasaki Rispondi

    robetta fatta ad uso e consumo per chi non è di milano.

  9. Achille Rispondi

    sicuro? a sentire la reazione di certi milanesi sembrerebbe di no… mi fido di voi

  10. analogicourbano Rispondi

    loop dozzinali, testo paraculo e voce inascoltabile…. ma lo passano spessissimo su radio dj, e quindi diventerà un tormentone… ahinoi….

  11. ugo Rispondi

    m’han chiesto di togliere l’mp3 dal blog.
    ma come stai?

  12. tengi Rispondi

    “io porto gli occhiali grossi”
    tutto vero.
    è milano vista da dietro gli occhiali grossi.
    brucia milano, brucia. perchè tutto il mondo è paese.

  13. masaccio Rispondi

    Vi assicuro che di qua dell’Adda sentire “faccio filosofia in Statale” lascia come minimo perplessi…
    Voglio dire: qui “in statale” ci si va per ben altri motivi, Zanonato permettendo.

  14. stefigno Rispondi

    mi sembra un pò truzza no? :-)

  15. Sempreinspiaggia Rispondi

    Orribile, soprattutto quando dice machintòsh… Un pessimo tentativo di mixare i luoghi comuni e le frasi di Milano… Jesus. Byebye.

  16. Antar Rispondi

    Credo sia fatto con un sintetizzatore vocale tipo questo…

    http://actor.loquendo.com/actordemo/default.asp?page=id&voice=Giulia

  17. Smeerch Rispondi

    “The video has been removed by the user”. Sigh! :(

  18. Achille Rispondi

    Cambiato link. Non è che mi faccio fregare così.

  19. Rik Rispondi

    Si la voce è sintetica.. ma la cosa che per me (milanese trapiantato)è drammatica è che l’unico locale che non ha cambiato nome dai miei tempi è il Plastic.. sigh

  20. orsodingo Rispondi

    ma sai che in fondo non è mica così malvagia….

  21. wuzze Rispondi

    Grazie a Dio Milano non è solo questo..strano che non si sia accennato al Parco Sempione..ci stava bene nella sagra delle banalita’..

  22. highground Rispondi

    Secondo me la canzone è pessima. Intanto l’idea di raccontare la milanobene non è certo nuova, anzi. E l’hanno fatto molto meglio altri. Secondo, la voce è pessima, sembra come se fosse una straniera che cerca di parlare italiano: in piu è modificata al pc, e si sente pure male. Terzo, mi sembra che metterci una bestemmia alla fine, cosi, tanto per gradire, sottolinei il basso livello di questa “canzone” (tra l’altro tutta uguale e con un mix davvero minimo, probabilmente con un po’ di tempo da buttare via ci saremmo riusciti tutti). Ciao!

  23. Smeerch Rispondi

    Ci saremmo riusciti – forse – tutti. Ma non l’ha fatto nessuno. Tranne il grande Deboscio. Respect.

  24. Achille Rispondi

    “Secondo, la voce è pessima, sembra come se fosse una straniera che cerca di parlare italiano: in piu è modificata al pc, e si sente pure male.”

    Scusate l’ovvia pignoleria: non è modificata al pc, è proprio un simulatore vocale.

  25. davide-k Rispondi

    smeerch mi legge nel pensiero. d’accordissimo con lui.

  26. b.georg Rispondi

    molto carina e ben fatta (bella l’idea del sintetizzatore vocale, sopra il loop electro in stile joey beltram, che procede per luoghi comuni: l’effetto meccanico forse non è originalissimo ma è efficace. evidentemente a qualcuno dei commentatori sfugge che la retorica della satira procede per eccessi). però anche corsico is burning non è male, e ascoltate assieme rendono bene l’idea (poi vi si nomina baggio, dove sono cresciuto…)

  27. pierone Rispondi

    ho avuto una idea: diamo tutto a photek e facciamo un’altra glamourama

  28. Frangetto Rispondi

    Sono contento che finalmente qualcuno ha creato una canzone che prende per il culo questa gente,insieme alla versione di Corsico…
    Non è un tormentone,è una parte della realtà milanese che DEVE essere presa in giro!
    Guardate le magliette del deboscio e capirete!

  29. ciccio Rispondi

    non mi piace il cazz… via quel cazz…

  30. CISKOMAN Rispondi

    VI SEGNALO IL VIDEO DI CORSICO IS BURNING SU http://www.youtube.com/watch?v=y26ppyRf1Xg SCARICABILE DA HTTP://MYSPACE.COM/ZKTHAMAN
    SUPPORTATE LA PERIFERIA!!!!!!!!!!!

  31. [...] Il tormentone di “Milano is Burning” non si placa. L’idea di Frangetta (ma è facile c... pocacola.com/index.php/2007/06/01/montecarlo-is-burning
  32. Franci Rispondi

    Geniale! Peccato per l’”autogol” della bestemmia (non tanto in senso morale, anzi), che sta diventando anch’essa una cifra distitiva dell’”operazione” e che terrà lontana la canzone da circuiti più ampi. Sperando, appunto, che non diventi davvero un tormentone (e che così arrivi ad uscirci dalle…), sarà curioso ascoltarsi le varianti regionali e locali. Chi non capisce la genialità di tutto ciò… mi sa che ha gli occhiali grossi… (se li mette e se li toglie).
    Solo un po’ di risate e di sarcasmo può aiutare a sopportare certa ignorante supponenza che una buona fetta del genere femminile spaccia per indipendenza ed emancipazione.

  33. Alessandro Rispondi

    L’idea di base c’è, mi piace. Ricalca perfettamente ciò che le ragazze fanno trasparire nella vita quotidiana. Molte diranno “Non è vero” o “Io non sono così..” ma purtroppo sono solo conferme di quanto si è provato a mettere in musica. La voce metallica è sintomo di meccanicità.. meccanicità è sintomo di ripetività, quella ripetitività che non prende posizione rispetto al mondo circostante ma segue senza comprendere ciò che è etichettato come fashion. E rivolgo anche io un pensiero a tutta la categoria di …lascio a voi decidere chi:

    “Chi non capisce la genialità di tutto ciò… mi sa che ha gli occhiali grossi… (se li mette e se li toglie).
    Solo un po’ di risate e di sarcasmo può aiutare a sopportare certa ignorante supponenza che una buona fetta del genere femminile spaccia per indipendenza ed emancipazione.”

    Fortunatamente in Australia è tutto l’opposto! E in più qua le ragazze sono 10 volte più belle, umili e simpatiche (friendly). Essere alte 1 e 80, bionde, perfette, viso bellissimo, corpo da togliere il fiato, non preclude di scambiare due chiacchere con TUTTI senza avere la scritta Gucci o Armani tatuata sul culo… anzi! Provare per credere.

    Ciao Italia

  34. Michi Rispondi

    Io la canzone non riesco a capirla… sarà che non sono di milano e dintorni ma non mi sembra così sensazionale… Che male c’è ad accumulare libri?? Non va bene leggere? O a guardare un film di pasolini? O a studiare lettere?? Forse non ho colto il senso… chi è che può spiegarmi?

  35. Pimpi Rispondi

    Michi neanch’io l’ho ben capita.. sarà che non sono di milano e rifuggo la mondanità, ma l’80% dei riferimenti mi sfuggono..

  36. corrado Rispondi

    ovvio che non c’è nulla di male ad accumulare libri o a studiare filosofia o a guardare un film di pasolini, solo che ste qui lo fanno solo per riempirsene la bocca e darsi un tono con le amiche nella cosiddetta “milano bene”, perchè fa figo, come ognuna della cose che vengono elencate nella canzone. non mi sembra così difficile da capire…

  37. Mich Rispondi

    Cazzo a distanza di due-tre settimane ormai sono proliferate le versioni a target geo-locale.
    Radio deejay avrà pure fatto da cassa di risonanza, ma la blogosfera altrettanto non ha esitato a celebrare il fenomeno. Tra le varie a me hanno spezzato quella di Como, quella di Ivrea con i carabineri sempre fuori dal locale ma soprattutto quella di Verona con “Sono una figa di gomma” (e beccatevi la foto, scusa scusa).

  38. Mich Rispondi

    anzi beccatevi il linkozzo http://www.youtube.com/watch?v=_XeI7UScAKU

  39. Michi Rispondi

    Grazie Corrado. Non penso sia difficile da capire una volta che si conosce il contesto, ma come ho scritto non sono di Milano e nella mia città le frasi elencate nella canzone non fanno “figo”. Non immaginavo che a Milano questo fosse solo “moda”.

  40. gigi Rispondi

    provate a cercare Cagliari is Burning … è tecnicamente un clone migliore dell’ originale… e parla di un pusher con la fissa del tuning delle automobili…

    (nota: un “porro” è una canna….)

  41. Robertdd Rispondi

    Ascoltando Dance da 15 anni provo una gran pena per questo disco…e per radio deejay che lancia tormentoni orrendi.

  42. Don Felipe Rispondi

    E’ uscita anche la napoletana, ahahah: http://www.youtube.com/watch?v=rhn8qumrzV8

  43. tito Rispondi

    In realtà è proprio milano, la milano delle ragazze che si sentono originali e diverse perchè si interesssano street art e fotografie “intense”, ma per loro pasolini e i magazzini sono assolutamente consequenziali e in fondo indifferenti.
    E’ azzeccata perchè non ricalca solo ed esclusivamente i luoghi comuni tradizionali, ma anche i “nuovi” luoghi comuni di chi crede di sfuggire ai vecchi, qull’essere alternativa che contiene in sè tutto e il contrario di tutto, cioè praticamente niente.
    Sono stupito che non ci abbiano aggiunto qualche riferimento alla velleitaria propensione da “psicologhe” che molte ragazze milanesi credono di avere, quella triste convinzione di aper penetrare all’interno dei cuori invece di rendersi conto di accumulare banalità agghiaccianti….

  44. [...] Qui il testo trascritto. Pare che l’abbia creata Il Deboscio. Io ho scoperto tutto ciò graz... smeerch.it/2007/05/29/italy-is-burning

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>