2 Responses to Obama, grazie per l’add
  1. Preeve Rispondi

    Secondo me la campagna di Obama non crea nulla, ma sfrutta qualcosa di già presente tra la gente comune. Quanti tra gli italiani su Facebook o MySpace, sfrutta questi mezzi per fare seria militanza politica o per discutere di questioni sociali?

    Probabilmente negli USA questa campagna attecchisce perché il web sociale è già molto diffuso. Qui in Italia l’unico partito moderatamente aperto a questa mentalità è l’Italia dei Valori che, pur registrando un notevole aumento di voti, non ha per nulla le percentuali da parito popolare.

    Certo, non credo che questo sia del tutto imputabile alla scarsa diffusione di Internet qui da noi, cosa che comunque è un enorme ostacolo per politici come Di Pietro. Da noi continua a pagare molto di più il porta a porta, e la Lega ne è la prova più concreta.

  2. Disorder Rispondi

    Certo che dopo aver letto che il futuro comprenderebbe anche le *suonerie elettorali* personalmente mi sento di appartenere al gruppo dei tromboni della politica…

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>