Las tronistas

Care amiche e cari amici di Akille.net, care donne e uomini e viceversa, state per assistere ad un evento più unico che raro su questo blog, ovvero, un post scritto da un’altra persona. A seguito del post sul debutto della versione spagnola di uomini e donne, Maria (aka Stagista) ci invia un dettagliato resoconto sull’esordio della versione iberica di questo programma che tutto il mondo ci invidia e che la Spagna ci compra.
Signore, signori, come si dice sui giornali: dal nostro corrispondente a Barcellona, la prima puntata di uominis e donnes


Un inizio un po’ in sordina per la prima stagione di “uomini e donne” spagnolo, ovvero “mujeres y hombres y viceversa” (casomai si capisse che si tratta solo di donne e uomini), ma è ovvio, è la prima puntata, la ciccia vera ancora non è spuntata, e la spontaneità da baraccone delle meraviglie del programma della defilippi risulta ancora un po’ “acartonada”, come direbbero qui: per loro questo è un nuovo format, non è mica così ovvio che una donna si trovi in un programma televisivo a scegliere tra 14 uomini prima sei di loro, e poi due per uscire. anzi, mi spingo a dire che le due donzelle, le prime due “tronistas” di spagna erano anche un po’ imbarazzate, non sapevano bene cosa dire o dove piazzarsi, alla faccia della nonchalance con cui in italia non solo abbiamo infilato nel dizionario la parola “tronista”, ma abbiamo regalato ad una generazione la frase “vieni a fare un’esterna con me?”.
ma partiamo dall’inizio.

la scenografia è praticamente identica all’originale. scalinata, pubblico seduto, conduttrice seduta sulla scalinata , attorniata da soggetti di sesso femminile che – la fisiognomica e il makeup non mentono – sai già che prenderanno la parola.
ecco la fotogallery dello studio, meglio detto “plató”: al centro, quattro troni.
due per le tronistas, e due per los consejeros (o meglio los asesores del amor), un uomo e una donna, ritagliati ovviamente su gianni sperti e su un 50% di tina e un 50% della tipa giovane spaccapalle che ora non ricordo come si chiama.
e poi ci sono loro, le ragazze, e per ognuna 14 pretendientes.
la somiglianza fisica di tutti i protagonisti con il peggiore fenotipo di tamarro italiano è impressionante. gli addetti al casting devono essere come minimo emanazioni della defilippi in persona.
a partire dalle tronistas: marisa, mora, abbronzata, capelli lunghi lisci, tettona, labbrona. e taccona. per descriverla, basta citare alcune delle frasi di autopresentazione: “nel vestire sono camaleontica, da superelegante fino a grunge” (non nominare il nome del grunge invano, per piacere.), oppure “ho un carattere forte e le idee molto chiare” ma soprattutto “se il ragazzo mi piace faccio io la prima mossa”, insomma, una panterona, che ama gli appuntamenti al buio e che come obiettivo ha “lavorare in televisione” (mica trovare il vero amore, eh). la cosa più importante per lei, in una relazione, è la fiducia.
originale.
per lei arriva una selezione di 14 stalloni palestrati, con la camicia aperta e il pettorale depilato (op. cit.), tutti vestiti molto attillati e molto firmati. i dettagli sono i brillanti nelle orecchie e le cinture d&g (altro che op. cit., questo è il testo integrale di “ci piace macho”…).
è proprio vero, una faccia, una razza.
(tra l’altro, giusto poco tempo fa, costantino è stato fotografato a madrid con una famosa spagnola molto famosa, ana obregón, la bionda sessantenne, attrice locale con partecipazione in un episodio di “a-team”, per la cui descrizione victoria beckham ha coniato l’espressione “barbie geriatrica”, e abbiamo detto tutto)
insomma, alla fine, dopo averne pre-selezionati sei, i quali, in ordine sparso, presentavano tutti i segni particolari adatti al caso (crestina ingellata, brillante, frasi ad effetto tipo “sono qui per farti innamorare”), ne sceglie due con cui fare la prima esterna.
fran , che per l’occasione indossa camicia bianca, jeans blu chiaro, cintura bianca di pelle e braccialone a pendant bianco in pelle. (peccato, perché il punk ingellato con la cinta d&g e la camicia mezza fuori, mezza dentro ci ispirava molto).
e pedro, il timido, che nella foto sfoggia la famosa “mirada blú estíl”, però nel “plató” (lo studio) indossa jeans scuri, camicia nera sbottonata, e delle sobrie scarpe a punta di vernice nera, che spuntano sotto a due svoltine da spettacolo.
(il carcere a vita dovrebbe essere esteso anche ad offese alla morale come questa, la scarpa elegante sotto ai jeans con le svoltine.)
marisa, però, per scegliere, non gliela fa mica, da sola. (grazie, sono tutti uguali.) la aiutano alejandra, la signora grassa e bionda del pubblico seduta alla destra di maria – cioè no, volevo dire di emma garcía, e rosa, la signora grassa mora e truccatissima (io al terzo liceo nei panni di “antigone”, con gli occhi dipinti di nero fino alle tempie, in confronto ero acqua e sapone) seduta alla sinistra di emma garcía.
los asesores del amor (quelli seduti accanto ai tronisti) cercano anche loro di dare il contributo, adducendo la difficoltà di marisa nello scegliere alla banalità di quello che hanno detto nella loro autopresentazione i pretendientes.

ma passiamo a veronica, la seconda tronista che, incredibilmente è un po’ grassa. questo è giustificato dal fatto che, come dice lei, “tutti i suoi passatempi hanno a che fare in qualche modo con la parola arte”. la povertà di forma fisica è giustificata dalla ricchezza intellettuale di questa autodefinitasi “artista multietnica”, che pensa al suo talento come una grande apportazione al mondo dello spettacolo.
anche i suoi pretendenti sono “speciali”: notiamo un altro italiano (si fa per dire, non è davvero italiano) con la camicia nera aperta e la cravatta a quadri bianchi e neri legata al collo nudo, da vero trasgressivo, poi un narcotrafficante cileno di nome “frank anthony” (tipo il marito di jLo, insomma), un altro di nome “micaél”, pronunciato così, e non vogliamo sapere come si scrive, con al collo la catena del motorino in oro bianco dalla collezione privata di 50cent, un “artista in potenza” (fosse stato in italia, sarebbe stato “di potenza”) con la faccia, i capelli e il pizzetto di PACO-MAN (se apri la mia mente, tu non ci trovi niente! eczema! eczema!), e, attenzione, due gemelli, che però valgono ognuno come un pretendiente: estíven e ándriu, di questi nemmeno vogliamo sapere la grafia corretta. tutti e due con accento argentino e – lo giuro – lo stesso identico timbro vocale di topolino.
veronica, confermando la sua “diversità” come tronista, sceglie il narcotrafficante cileno , perché sa ballare la salsa (deve essere una delle sue sfaccettature artistiche, ballare la salsa) e david MORALES, perché le sta simpatico, dato che nella sua presentazione dice “io sono proprietario terriero”.

ecco un contributo fotografico delle due tronistas:

qui il video di marisa “odio la routine”:
e i suoi “chicos pretendientes”.

e qui quello di veronica, “me gusta sacar el perro a pasear” (mi piace uscire il cane a passeggio, trad. lett.)
e qui i suoi, di chicos pretendientes.

mi sorge solo un dubbio, non capisco come mai, sul blog delle tronistas appaia un post con i commenti alla puntata e alla scelta datato a tre quarti d’ora prima dell’inizio della puntata, ma deve essere qualcosa legato al fatto che il paese spagnuolo include ben due fusi orari, contando le canarie, boh.

insomma, un inizio normale ma promettente, in attesa di vedere prima di tutto come traducono “esterna”, perché fino ad ora hanno solo detto “cita”, cioè date, appuntamento. un appuntamento da sogno, come promette questa pagina: il miglior ristorante della città, una spa, e chi più ne ha più ne metta.

oggi probabilmente ci faranno conoscere los tronistas, i due uomini, e le loro pretendientes. dopodomani, con un po’ di fortuna, già potremo vedere le prime esterne.

in sintesi, maria de filippi è un genio, perché dal nulla più pneumatico ha creato un format (e d’altra parte, in altri ambiti “format” si usa per “cancellazione totale”) che è riuscita addirittura ad esportare. va detto che è chiaro che telecinco è una filiale diretta di canale5, quindi capirai, so’ bravi tutti così.
ma dopo che sono stata in periferia, stamattina, in mezzo alla spazzatura per terra, ai tamarri firmati che fischiano per strada, dovendo fare un chilometro a piedi per un bancomat, perché il telecomando nuovo del garage non potevo pagarlo col bancomat, mi sento di dire che forse la spagna non è ‘sto paese avanzato come ci vogliono far credere soprattutto i catalani, che non la smettono più di chiedermi cosa succede a napoli, quando non sono capaci di guardare cosa succede a pochi chilometri dal loro centro storico.
quindi “mujeres y hombres y viceversa” se lo meritano. e non solo per vendicarci di “paso adelante”, contro il quale gli abbiamo già regalato valerio pino. ma casomai, come minaccia preventiva nell’attesa della versione italiana della serie hit dell’ultima stagione, “sin tetas no hay paraíso” (senza tette non c’è paradiso). che, ovviamente, andrà in onda su canale5.
format dopo format, conquisteremo il mondo. lo sento.
e dimostreremo, grazie ai tronisti, che un posto a sedere nell’empireo delle nazioni dominanti ce lo meritiamo pure noi. con il nostro fisico a mostro e il capello un po’ fonato.

ost: ci piace macho, by angela fiore e raffaella.

7 Responses to Las tronistas
  1. asha Rispondi

    MAMMA! FILE-STAMPA! FILE-STAMPA! :)
    (era una citazione di fiorello in tv con renato zero, che si gira a camera e dice “mamma, rec e play, rec e play!”)

  2. Fra Rispondi

    Zapatero fa qualcosa!

  3. Smeerch Rispondi

    Marisa Gómez-Sandoval è spaventosamente somigliante ad Alessandra Pierelli. E meravigliosamente bona.

  4. Achille Rispondi

    “Marisa Gómez-Sandoval è spaventosamente somigliante ad Alessandra Pierelli. E meravigliosamente bona.”

    In base al mio personalissimo gusto, questo è un ossimoro.

  5. andrea poulain Rispondi

    ma gli spagnoli si vantavano di averci superato…
    stanno cercando di fare paeggio di noi..pagano per avere una troiata del genere..spettacolo

  6. Smeerch Rispondi

    Ma la Pierelli non ti gusta, Akille? :)

  7. akiro Rispondi

    grazie a Dio non sapevo nemmeno che esistesse un programma intitolato “uomini e donne”

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>