Ci piace macho generation

Qualche mese fa, un commentatore mi segnalò un video che riprendeva la canzone che potete ascoltare qua sotto, uscita in realtà nell’estate del 2006. Una serie di ascolti ripetuti nel giro di pochi giorni mi fece sorgere una sola domanda: ma come mai questo pezzo di Angela Fiore e Raffaella non era diventato un tormentone su scala nazionale?
Ora è passata un’altra estate, e ogni volta che ricapito su questo link non posso che stupirmi della relativa mancanza di successo di questo capolavoro pop-trash.
Certo, ci sono state molte visualizzazioni su Youtube, diverse citazioni sul web, qualche parodia, un rifacimento per trasformarlo nella sigla di una serata gay. Ma io mi aspettavo di più, molto di più.
Questo pezzo è l’American Boy italiano. Musicalmente un vero tormentone, potenzialmente una hit da grandi radio, ballabile e immediato, contemporaneo ma commerciale.
E allo stesso tempo questo pezzo è un trattato di sociologia, un bignamino dei gusti delle giovani donne di questo Paese, che l’uomo non lo vogliono bravo e anche educato, ma bello e col pettorale depilato, con il fisico a mostro e che ce piace ballà. E soprattutto un po’ bastardo, che le faccia star male, aspirante tronista come dint’a tv e che sa miette a dispetto per farle innamorà. Come il bullo di tre metri sopra il cielo, come lo sfacciato e annoiato di Uomini e Donne, come il rude che non deve chiedere mai, che non è mai passato di moda, come certi artisti o l’intellettuali che, per farsi perdonare la loro sensibilità, devono essere irrimediabilmente stronzi.
Insomma, hai voglia a fare articoli sul metrosexual e sugli hipster, le donne l’uomo lo vogliono macho.
Come mai non abbiano riconosciuto in questo brano il loro inno, questo ancora mi sfugge.

12 Responses to Ci piace macho generation
  1. Giulia Rispondi

    … eh?

  2. Silvestro Rispondi

    Dalle mie parti (Foggia, Puglia) se ne sentono tante di canzoni trash, ma questa le batte tutte.

  3. signora maria Rispondi

    forse se si facesse girare su facebook… :P

  4. la gentildonna Rispondi

    signora maria, mi meraviglio di lei. oggi niente thè alle cinque, per espiare il suo turpiloquio.

  5. signora maria Rispondi

    esimia gentildonna, volevo solo dire che la famosità di cotanto brano musicale sarebbe un nobile fine che senza meno giustificherebbe l’utilizzo di un così squallido mezzo.

  6. Smeerch Rispondi

    Sarà l’accento delle cantanti a frenare la diffusione massiccia del brano? In effetti sul sottoscritto un certo effetto deterrente lo esercita.

  7. luca Rispondi

    se non ha sfondato un motivo si sarà! forse è un pò troppo leggero…

  8. bricoalessio Rispondi

    finalmente.

  9. Paolo Rispondi

    Del video esiste più di una versione, le trovate su youtube; anche la canzone è stata rimixata e quella di questo video è la più pulita, come suoni.
    Il tutto è geniale.
    Ciao Paolo

  10. FreeDrone Rispondi

    Questo video è figlio delle periferie senza orizzonti tipiche del napoletano, dei ragazzi che scippano per “vestirsi addolceggabbana”, figlio della mancanza di una cultura buona.
    Lobotomia di gruppo, sconti per comitive.
    Dottor Corea, grazie del suo blog e di quello che ci mette dentro.

  11. akiro Rispondi

    è l’american boy italiano? direi che allora non se ne sente la mancanza, anzi…

  12. [...] alla mai abbastanza mitica Enza, nello scoprire questa canzone e questo video. Ben tre anni dopo: altri ... loredanalipperini.blog.kataweb.it/lipperatura/2009/03/09/oggi-e-il-9-marzo

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>