Minigonna tinta Unità

A quanto pare l’Unità lancerà la nuova edizione con una campagna pubblicitaria basata sull’immagine della minigonna.

Quindi, se non ho capito male, il giornale che rappresenta una parte politica in crisi, anche e soprattutto, perchè troppo a lungo ingabbiata negli schemi degli anni 60, piena di politici che erano giovani negli anni 60, dotata di un linguaggio che diceva molto negli anni 60 e poco adesso, punta a conquistare i giovani d’oggi e ad affrontare le problematiche dei nostri tempi facendosi rappresentare da un simbolo della giovinezza, della rivoluzione e dei nuovi costumi, ma degli anni 60.

In attesa della campagna (e del nuovo giornale)  i migliori e più sinceri auguri, ed un regalo: l’unica opera che, a mia memoria, lega la minigonna all’universo giovanile (oddio, anche troppo) di oggi.
Un artista ben noto ai più attenti lettori di Akille.net: Giuseppe Jr.

9 Responses to Minigonna tinta Unità
  1. EmmeBi Rispondi

    Non capisco come e perché persone intelligenti continuino a cadere nelle banalità spacciate come creative e dissacranti di Oliviero Toscani.

  2. Silvestro Rispondi

    Che tristezza sto’ video.

  3. Bdd Rispondi

    in effetti, un ben noto teorema sul vecchio PCI era la cosiddetta “Regola dei trent’anni”: cioè, i comunisti arrivavano sì a dire le cose giuste, solo che con trent’anni di ritardo rispetto agli altri (sull’URSS, il liberismo, i gay, la scala mobile eccetera). dunque, sostenere oggi la mozione della minigonna è tutto sommato coerente con la gloriosa tradizione comunista nostrana…

  4. Alberto Rispondi

    Non so come andrà a finire la storia della minigonna all’Unità.
    Grazie a questo post, però, ho scoperto Giuseppe: un gigante, altro che junior…

  5. luca Rispondi

    anche i ricchi piangono…

  6. serena Rispondi

    per restare in tema anni 60 posso solo dire m i t i c o

  7. chamberlain Rispondi

    giuseppe jr ha undici anni.

  8. signora maria Rispondi

    cito interamente l’intervento di emmebi.
    e spero di non vederla, in giro, questa campagna, la mia indignazione ha bisogno di riposo. :)

  9. Salviamo l'Italia da Toscani Rispondi

    Ho visto stamane la pubblicità. Toscani ci ripropone una copia meno dissacrante e meno provocatoria della già sua campagna per il jeans Jesus del 1973 (“Chi mi ama mi segua”). Questa sinistra, politica o giornalistica che sia, ha bisogno davvero di copiare per andare avanti? Perchè non affidare la comunicazione a creativi giovani invece di rivolgersi a chi ha già dato? Può valere più il nome del creativo di una buona idea???

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>