Milano e l’improbabile

Sarà una specie di maledizione di Totò, che mi merito in quanto meridionale e quindi destinato ad essere mentalmente fuorisede. Fatto sta che se dovessi descrivere Milano basandomi solo sull’esperienza sporadiche che ne ho come visitatore occasionale per motivi di lavoro, e per il breve periodo da pendolare dell’amore, dovrei dire che è una città dove c’è spesso un bel sole.

8 Responses to Milano e l’improbabile
  1. farfintadiesseresani Rispondi

    Confermo da milanese doc: c’è spesso un bel sole o anche, come diceva già il Manzoni, quel ciel di Lombardia che è bello quando è bello. Il problema è quando è brutto.

  2. andrea puolain Rispondi

    io ci vivevo, e mi pareva molto normale la situazione…

  3. pierone Rispondi

    oggi per esempio è una giornata splendida. presumo che in centro ci sarà un delirio. nel quale mi andrò a tuffare a breve :)

  4. signora maria Rispondi

    la maledizione di totò è dovuta al fatto che “quando c’è la nebbia, non si vede”, immagino. :)

  5. Squagghiatone Rispondi

    bello perchè raro

  6. loki Rispondi

    qui il sole splende anche quando piove!!
    sarà perché chisto è ‘o paese ddo sole chisto è ‘o ppaese dd’o mare…

  7. jackieschneider Rispondi

    Oggi siamo tutti in giro con camicione a fiori e infradito.

    Il sole c’è spesso, l’importante è non farlo sapere in giro.

  8. pierone Rispondi

    si si, fa talmente caldo che m’è caduto un orecchio (dal freddo) in piazza di sant’alessandro. però è sereno almeno. :)

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>