Come quando stai per morire

Dopo la mattinata di panico (reale, percepito o cavalcato che fosse) provocato dal down di gmail, ho deciso di seguire i consigli di taluni che sembrano saperla lunga, e di impostare l’account su un client di posta elettronica.

Si è così ripetuto un momento che torna ciclicamente nel corso degli anni, in occasione di un back up, un format, un cambio di computer. Ovvero il momento in cui sul tuo monitor cominci a visualizzare sfilze di e-mail degli ultimi anni, mentre tu rimani incantato nel riscoprire pezzi di conversazioni e di vita che avevi dimenticato.

Secchiate di messaggi per organizzare una cena, brainstorming via reply all per organizzare uno scherzo o qualche altra fesseria, tentativi di approccio più o meno riusciti, inoltri di biglietti per un viaggio, inviti a serate, scambi di consigli, opinioni e pettegolezzi.

Una piccola parte di vita che ti passa davanti in un istante. E che tu devi solo segnare come già letta. O come già vissuta.

12 Responses to Come quando stai per morire
  1. Ulrike Rispondi

    Proprio qualche giorno fa, prima di liberarmi di un vecchio portatile non usato da anni ormai, mi è capitata di leggere la posta elettronica degli anni 2001/2002. Era come rovistare dentro un cassetto antico…

  2. Achille Rispondi

    A me per esempio fanno molto più effetto le vecchie mail che le vecchie foto su facebook (anche se alcune di quelle fanno venire voglia di appoggiare la proposta di moratoria su internet di Alberoni)

  3. signora maria Rispondi

    pop o imap? :)

  4. davide-k Rispondi

    sei un poet@ :)

  5. Smeerch Rispondi

    Sono invidioso. Io non riesco mai a scrivere post così belli.

  6. Mitì Rispondi

    Achille, ti abbraccerei. E’ bellissimo questo post! :-**

  7. godzilla Rispondi

    mammamia *__* confermo e sottoscrivo.
    sono riuscito ad importare tutta la posta degli ultimi 10 anni nel mio client attuale… non mi vergogno di dire che a volte la lacrimuccia scende.

    grande come sempre, achì. ciao.

  8. Achille Rispondi

    Zitto che lo sto a fa a pezzi. Mo siamo a gennaio :)

  9. Ulrike Rispondi

    oh, le mail più belle vanno stampate! :P

  10. signora maria Rispondi

    oddio, mi hai ricordato che questa primavera/estate compio dieci anni di internet. mi****a.

  11. F.N. Rispondi

    E’ un gran bel post.
    Avviene quando tanti vedono una cosa e qualcuno, invece, la guarda.
    Bravo.

  12. akiro Rispondi

    peccato aver perso il primo account di hotmail con tutta la posta, cmq ad ogni cambio di pc/s.o./pianeta mi porto dietro tutte le e-mail… si sa mai che possano anche servire, oltre a ricordare.

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>