Il giorno migliore per cominciare

Qual è il giorno migliore per cominciare? Una giornata di sole primaverile, di quelle in cui tutti, almeno all’inizio, sembrano di buon umore? Oppure una mattina grigia con le nuvole e la promessa di pioggia, che non contiene nessuna distrazione e ti ricorda che bisogna darsi da fare?

E ancora, il giorno migliore per cominciare è un lunedì, che né di venere né di marte etc etc? Oppure è un martedì, che ti ricorda che non tutti cominciamo allo stesso modo, e che non bisogna rimanere ancorati alle vecchie superstizioni?

Qual è il giorno migliore per cominciare? Quello in cui ti prendi un giorno di ferie e dici: adesso decido io? O quello in cui ti presenti di fronte alla solita routine pensando: tutto sembrerà uguale, tutto sarà diverso?

Forse il giorno migliore per cominciare è quello fissato in una data che vuol dire qualcosa: capodanno, il tuo compleanno, il primo giorno di primavera, il giorno in cui è nato o morto qualcuno. Un giorno in cui le cifre sembrano volerti indicare qualcosa. O forse è meglio una data che non vuol dire niente, per poter pensare che sarai tu a dargli significato.

Potrebbe darsi che il giorno migliore per cominciare sia quello in cui bisogna cominciare per forza, tipo il primo giorno di scuola, o il rientro dalle vacanze. Oppure quello in cui se non cominci qualcosa muori, come il giorno in cui ti scade il contratto o lei ti lascia o qualcuno ti batte su una spalla e ti dice: è finita.

Forse il giorno migliore per cominciare è quello che hai deciso da un sacco di tempo, e ti ci avvicino ogni giorno preparandoti e respirando sempre più forte. Oppure è il giorno in cui ti alzi senza nemmeno sospettare niente, ma ad un certo punto dici: è adesso.

Probabilmente voi vi starete chiedendo: ma il giorno migliore per cominciare cosa?

Non è quella la domanda, non è quella. La domanda in realtà è una sola: se il giorno migliore per cominciare sia oggi. Oppure domani.

11 Responses to Il giorno migliore per cominciare
  1. Asended Rispondi

    Era ieri, ma, secondo me, se ti sbrighi fai ancora in tempo.

  2. apelle Rispondi

    Quando ne sei venuto a capo, fammi un fischio.
    Che io ho il problema opposto: il giorno migliore per smettere :)

  3. robba Rispondi

    E’ oggi, sempre oggi.

  4. Smeerch Rispondi

    Il giorno migliore non esiste. Sono tutti uguali. Le date non hanno senso.

  5. Mitì Rispondi

    Il giorno migliore per cominciare è quello che “ti senti dentro” che lo sia. Basta saperlo ascoltare. :-*

  6. suorima Rispondi

    il giorno migliore per cominciare è quello in cui qualcuno ti ricorda che nonostante tutto, anche quando non ti sembra proprio e credi di aver finito le speranze, qualcosa da cominciare ci sarà sempre.. e darà senso a quel giorno migliore..

  7. laPitta Rispondi

    secondo me è oggi, domani potrebbe piovere :-)

  8. Destino26 Rispondi

    Il giorno migliore per cominciare è il giorno in cui hai perso la fiducia, il giorno in cui tutto sembra più scuro ed irrisolvibile.

    E’ a quella profondità abissale che troverai la voglia di emergere e lottare, cominciare, vincere e forse perfino finire ciò che hai cominciato.

  9. Silvio Rispondi

    “Se non ora, quando? Se non io, chi? Se non qui, dove?”.
    Completo questo bel post con una citazione di cui non so citare l’autore.

    Se lo legge Lorenzo Cherubini ci fa su una canzone o, magari, un concept album :-)

  10. gparker Rispondi

    Quando il giorno migliore per ricominciare arriva lo sai subito. Ti svegli e hai in testa solo l’idea di FARE e quindi di ricominciare.

    solitamente arriva dopo qualche giorno di massacrante inattività.

  11. Emanuela Rispondi

    Non saprei dirtelo, in genere me ne accorgo sempre il giorno dopo aver cominciato…

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>