Good news, no news

Oggi Radio24 festeggia i suoi primi 10 anni (auguri). Tra una rubrica e un gr, la ricorrenza viene festeggiata con degli spezzoni audio che ricordano gli eventi salienti del decennio trascorso. La proporzione per ogni “blocco” è di circa 5 eventi luttuosi (11 settembre, caduti di guerra, morte del Papa, vari attentati) bilanciati da 1 evento gioioso, pescato sempre da eventi sportivi, come i Mondiali di calcio o le Olimpiadi.

L’effetto è qualcosa che sta tra la consapevolezza che il mondo è pieno di cose brutte, il ricordarsi che gli eventi negativi sono notizie e quelli positivi non lo sono quasi mai e il constatare quanto sia difficile trovare momenti di gioia condivisi per tutta la nazione, e non fonte di soddisfazione per una parte e rabbia per un’altra.

Niente di nuovo o di originale, ma trovarselo di fronte appena svegli fa sempre un certo effetto.

One Response to Good news, no news
  1. maia Rispondi

    senza contare che a volte il risultato finale è surreale.
    come l’altra mattina, quando in uscita da uno spezzone commemorativo pieno di lutti, la radiocronista con voce pimpante ha fatto gioiosamente gli auguri alla radio.
    l’effetto era straniante

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>