Voglio andare ad Alghero

Siamo cresciuti ascoltando discussioni su governissimi, governicchi e governi balneari. Abbiamo letto pagine e pagine sui bamboccioni. Al termine tesoretto ci vergogniamo a dirlo ma eravamo quasi affezionati. Abbiamo studiato l’etimologia di inciucio,  pronunciato senza sentirci ridicoli  ribaltone, imparato a capire la devolution e a temere la golden share, abbiamo persino usato in qualche discussione la definizione “furbetti del quartierino”.

Insomma, abbiamo subito più o meno passivamente tutti le parole e frasi bizzarre usate e abusate dai politici italiani e sfruttate fino all’esaurimento dai giornali, manco fossero tormentoni pop. Tutto abbiamo letto, tutto abbiamo pronunciato, tutto abbiamo sdoganato. Ma ci sarà pure un limite da qualche parte. Per esempio: mi spiegate perché nella discussione sul potenziale leader del centrosinistra sta prendendo piede questa ciofeca di definizione del “Papa straniero“?

5 Responses to Voglio andare ad Alghero
  1. [...] Voglio andare ad Alghero – http://www.akille.net/2010… 12 minutes [...] ... algheronews.it/2010/09/akille-net-voglio-andare-ad-alghero
  2. mlenders Rispondi

    é il gene democristiano! la sua la doveva sparare..

  3. Silvio Rispondi

    è la triste prova che il PD non imbrocca più neanche i tormentoni lessicali.. UFF..

  4. Oscaruzzo Rispondi

    Beh, dopo il periodo avignonese non ci sono stati papi stranieri fino a Woytila (o come cavolo si scrive), ed essendo la chiesa una cosa italiana (come sappiamo tutti, purtroppo), era nato il modo di dire “papa straniero” per indicare un capo preso “da fuori”, modo di dire peraltro ancora in uso (arinuovo, purtroppo, visto che in effetti fa schifo assai).

  5. Suzukimaruti Rispondi

    Dalla Russia a Giuni Russo.

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>