Il complotto contro la gnocca

Mentre voi state appresso a questioni di importanza minore (elezioni amministrative, tenuta del governo, arrivo dei cosacchi in piazza Duomo) qualcuno lavora nell’ombra per svelare i passaggi e le trame di un complotto ben più strisciante e insidioso.

Si tratta del curatore del canale Youtube “Nocensuragnoccatv2” (c’è il due perché il primo è stato disattivato con l’accusa di ripetute violazioni del copyright), un uomo che passa al setaccio i programmi di una tv sempre più votata al pubblico femminile e sempre più insensibile ai desideri e ai bisogni del maschio.

Attraverso i video di Nocensuragnocca scoprirete una verità semplice e disarmante: le veline, le letterine, le schedine, insomma le “ventenni bone” ingaggiate dai programmi tv, sono sempre più vestite. I culi, le cosce e gli ombelichi fieramente esposti fino al 2006 (anno in cui esplose il caso Vallettopoli) sono solo un lontano ricordo.

Allora perché, si chiede il tenutario del canale, i dirigenti, i produttori e i conduttori televisivi continuano a mantenere corpi di ballo che non ballano, culi scolpiti che non sculettano, veline che non velinano?  Ma per godersele loro, risponde il nostro eroe, per farle lavorare e poi guardarle nude nell’intimità. Non lasciando a noi spettatori da casa nemmeno la consolazione di un sedere in perizoma o una tetta intravista. Tutto ormai ci è negato, da costumi castissimi, balletti morigerati e sapienti tecniche di regia che, zommando, tagliando e sfumando, ci impediscono di vedere anche solo un tocchettino di gnocca.

Ora lo sapete: a voi scegliere se ignorare questo complotto o scendere in campo e affrontare la battaglia.

2 Responses to Il complotto contro la gnocca
  1. IcoFeder Rispondi

    Se il simpatico amico incappucciato deve sfogare un po’ d’istinti gli segnalo qualche paperetta più disinvolta>!
    Non vedo il problema dove sia…
    L’offerta c’è!
    Non vedo il problema dove sia…

  2. special1 Rispondi

    non è quello il suo problema…

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>