Ricorrenze

Così, giusto per appuntarselo.

Rolling Stone italiano compie 100 numeri e chiede a 100 persone di scegliere i 100 dischi italiani di sempre (indicandone 10 per uno, sintesi tra gusti personali e considerazioni di rilevanza più generali). Siccome vedo che la classifica (sta qui) ha suscitato le immancabili polemiche, isterie e sfottò, mi autodenuncio in quanto uno dei 100 giurati (grazie per l’invito, onorato). Se proprio ci tenete vi dico anche che la mia numero 1 è la numero 2 della classifica generale. E che certi dischi in classifica non li conosco nemmeno (ma è il suo bello, no?).

Radio Deejay compie 30 anni. Per uno che ha passato buona parte degli anni ’90 (e dell’adolescenza) negli studi di un po’ di radio locali è persino difficile spiegare quanta gente passata da lì è stata un punto di riferimento e di confronto. Auguri, e complimenti veri.

2 Responses to Ricorrenze
  1. Randolph Carter Rispondi

    Per completezza, c’è anche la seconda classifica (che è più una playlist…)
    http://www.ilpost.it/2012/01/31/le-canzoni-di-30-anni-di-radio-deejay
    così, giusto per parallelismo!
    Mi spiegheresti il criterio di scelta dell’album per artista? Cioè, perché non un altro album dei Massimo Volume o degli Afterhours?
    Così, per curiosità…
    Grazie.

  2. Akille Rispondi

    Ah, per le scelte degli altri non so che dirti. Io per scegliere i miei 10 dischi ci ho messo un bel po’. E non ti dico che per scegliere tra il primo disco dei Subsonica e Microchip emozionale ho fatto testa o croce, ma quasi.

Rispondi a Randolph Carter Annulla risposta

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>