La cosa che più mi preoccupa

La cosa che più mi preoccupa, ve lo dico in tutta onestà, non è la crisi economica in quanto tale. Non sono per nulla preoccupato del possibile default, della fine dell’euro, del momento in cui ci sarà l’assalto alle banche che si rifiuteranno di ridarci i nostri soldi. A me tutto questo non preoccupa, perché semplicemente mi terrorizza. Read More…

L’Italia vista dallo spazio, dal 30 luglio su Radio24

Ci sono alcune domande che mi mettono sempre maledettamente in crisi, tipo: qual è il tuo disco preferito? E il tuo film? E se dovessi portare un solo libro sull’isola deserta? E se potessi salvare solo un vestito che sta nel tuo armadio?

Se poi invece di una risposta secca mi chiedono una lista di 5 o 10 voci è quasi peggio. Comincio a scarabocchiare foglietti, aprire e chiudere documenti word, controllare archivi on line, preparare gruppi provvisori da 20 o 30 posti, organizzare tabelloni a eliminazione diretta. Perché indicare qualcosa da salvare vuol dire anche pensare a cosa butteresti via senza troppi rimpianti. E non è mica facile.

Sarà probabilmente per questo motivo che passerò il mese di agosto a chiedere a gente che ne sa, appassionati, ascoltatori radiofonici e semplici passanti una cosa semplice semplice: se doveste salvare 24 cose dell’Italia di oggi, cosa salvereste?

Questo, in sintesi, è l’Italia vista dallo spazio, un nuovo programma che condurrò per tutto agosto su Radio24.

Si comincia lunedì 30 luglio. Qui c’è la pagina di Facebook del programma. Iscrivetevi numerosi, tra un po’ cominceremo a fare domande e a cercare risposte.

La preferenza a riva

È soprattutto in momenti come questi che si sente il bisogno di avere un modello di vita. Quando il futuro è incerto e le asperità sembrano non finire mai, la presenza anche solo ideale di qualcuno che sappia mostrarti la via è essenziale. Purtroppo la mia generazione ha avuto davvero pochi esempi ai quali ispirarsi, ed è per questo che anche nella ricerca di un modello bisogna sfoderare una certa dose di lucida creatività. Come quella che credo di aver dimostrato scegliendo come guru la preferenza elettorale.

Alcuni di voi potrebbero giudicarla una dichiarazione senza senso, altri la troveranno una posizione furba. Ma se seguirete il mio ragionamento capirete anche voi che la preferenza elettorale è un’eroina dei nostri tempi e un fulgido modello per noi giovani in tempi di crisi. Parliamo della preferenza che per decenni si è recata a compiere la sua missione nelle principali elezioni democratiche del nostro Paese. Un compito che svolgeva con gioia e senso del dovere. Si sentiva utile e amata, la preferenza. E perché non avrebbe dovuto farlo? Essa permetteva a tutti gli italiani non solo di votare, ma anche di dire: “voglio questo, questo e quest’altro”. Quanta democrazia, quanta libertà, quante possibilità, grazie alla preferenza. Read More…

1 2 3 4 625  Scroll to top