berlusconi

Effetto pistola

E visto che è uno degli argomenti del giorno parliamone pure qui. Le foto di Berlusconi nel ’77 (anno in cui fu fatto cavaliere) pubblicate dall’Espresso sono belle, significative, in un certo modo affascinanti, contribuiscono a creare l’iconografia potente e maledetta di uno degli uomini più discussi della storia italiana, e diventano argomento di discussione, soprattutto per chi il cavaliere proprio non lo sopporta.

Ma di una cosa sarà  difficile convincermi: che ci sia anche una sola persona che  vedendo quelle foto di Berlusconi con la pistola sul tavolo, che con tanta enfasi l’Espresso evidenzia, abbia  cambiato opinione su di lui.

O davvero volete dirmi che c’è  anche uno e uno solo che era un suo elettore e che ha pensato: “No, dai, la pistola no, posso sopportare tutto ma se nel ’77 aveva una pistola no, ma che brutta persona, io non lo voto più”? Secondo me  è meno improbabile che succeda il contrario.

Dimmi a che gruppo sei iscritto…

Ogni tanto su questo blog ci siamo interrogati sul tema “quanto contano i gruppi di facebook? Quanto sono davvero rappresentativi?”. Oggi gli interrogativi ritornano e aumentano, leggendo che alcuni gruppi contro Berlusconi sono stati rinominati rendendolo gruppi pro, operazione fatta anche con altri gruppi che di politico non avevano nulla, tipo uno  a favore della ricostruzione in Abruzzo.

Niente di grave, niente di serio.

7 nuove domande a Berlusconi

Carissimo Pres. del Cons. Silvio Berlusconi,

innanzitutto volevo dirle che ha fatto proprio bene a prendersela con quei cattivoni di Repubblica che le fanno le domande e le lasciano lì all’infinito anche se lei non risponde. Si vede che non sono uomini di mondo, e non sanno che se (per esempio) uno chiama una donna per settimane e quella non risponde è inutile insistere.

In realtà anche io le scrivo per farle alcune domande. Ma non sono affatto tendenziose e lesive della sua persona e della sua privacy come quelle là. Sono nate spontaneamente guardando un evento pubblico, trasmesso ieri sera da più emittenti televisive in diretta e contamporaneamente. Quindi credo che lei potrà rispondere agevolmente e senza imbarazzi.

Eccole di seguito.

1) Lei ha dichiarato qualche giorno fa di avere una squadra che considera “alla pari se non superiore all’inter”. Bene, dove sta?

2) In una recente puntata del Processo di Biscardi, lei ha detto che Ronaldinho ogni partita fa “almeno due, tre cose” che valgono il prezzo del biglietto. Dove erano quelle di ieri sera? O si entrava gratis?

3) Secondo la sua esperienza, è possibile vendere quello che é considerato il trequartista più forte del mondo, non sostituirlo e pensare di venirne rinforzati?

4) Lei ha presente che le riserve dei difensori di fascia del Milan sono Antonini e  Favalli?

5) Se il Milan, come si è più volte detto, deve puntare sui talenti giovani, perché Gourcuff (classe 1986) è stato ceduto al Bordeaux, dove sta diventando uno dei protagonisti del campionato francese e della nazionale?

6) Ha per caso visto il Chelsea di Ancelotti? Come le sembra? é ancora convinto che il problema del gioco del Milan fosse l’allenatore?

7) Per finire, durante il derby di ieri sera, quali erano le sue condizioni di salute? Perché sa, milioni di italiani avvertivano un dolorino lieve ma fastidioso, dalle parti del fegato…

Ecco, caro Presidente, e grazie ancora per l’attenzione, la comprensione e le sue risposte.
 Scroll to top