google

Il dito nell’occhio

Quasi 4 anni fa sui giornali fece molto scalpore un video pubblicato su Youtube in cui si vedevano alcuni ragazzi che picchiavano un compagno di classe disabile. Già all’epoca si parlava più che di limitare la diffusione di video del genere su internet più che i casi come questo, e io dissi che era come sentire il cane che abbaia al ladro e decidere saggiamente di sparare al cane. E non ho molto da aggiungere.

Ora è arrivata la sentenza per i dirigenti di Google. Si parla di 6 mesi di reclusione per “non aver impedito la pubblicazione del video”. Guardando tra gli articoli correlati di Repubblica ho scoperto che invece i “protagonisti”, quelli che il video l’hanno girato, pubblicato e reso possibile, hanno avuto un anno di sospensione a scuola.

1 2  Scroll to top