tormentone dell’estate

Mia madre è strana

Nel frattempo io ho assegnato il ruolo di mio personale anti-tormentone dell’estate a questo pezzo degli Zen Circus, che conoscevo di fama ma non avevo mai ascoltato perchè mi ero fatto l’idea che fossero un gruppo metal (vai a capire come funziona la mia mente). Indubbiamente il ritornello fa la differenza, e se questo fosse un Paese più sincero verso se stesso potrebbe diventare un successo (ma io non ci piglio mai su queste cose, all’epoca pensavo che Io mi rompo i coglioni di Bugo potesse diventare un inno per i giovani d’oggi).
Comunque la canzone è questa qua sotto, e l’ho scoperta grazie a Colasanti.

Non vergognarti mai di quello che sei

Se fossi stato Ataru, di sicuro con Lamù ci stavo

Volevo ringraziare Benty, chei ha mandato una mail in cui rispondeva ad una domanda che non gli avevo fatto, ovvero: ma chi sarà quel tizio che canta una canzone cita vecchi cartoni animati e telefilm che ho sentito di sfuggita alla radio?
Trattasi di Io, Carlo e la canzone è Figlio dei manga. Qui c’è il suo MySpace (con un paio di pezzi simpatici, precedenti a questo singolo), sotto trovate un video “user-generated” che coglie bene il potenziale ruolo di questo brano, ovvero quello di subdolo fomentatore di giovani nostalgici.

1 2 3 4 5  Scroll to top